Dove trovare la Mobilità Dolce in Italia

vivere la mobilità dolce

La mobilità dolce è fondamentale per ActiveItaly, infatti si trova al secondo punto del nostro Manifesto.

 La nostra definizione di mobilità dolce è:

“la bicicletta, i piedi e tutti i mezzi non motorizzati e a basso impatto ambientale (barca a vela, cavallo, sci, ciaspole et cetera) sono i più adeguati per l’esplorazione del territorio; il treno, e altri mezzi pubblici a emissioni limitate, sono i mezzi ideali per percorrere le lunghe distanze.”

Quindi la mobilità dolce è strettamente legata al principio della lentezza, sia da un punto di vista fisico che, e soprattutto, dal punto di vista dello stile di vita.

 

In Italia questo concetto non è per niente nuovo. Esistono infatti diverse reti e associazioni che promuovono questo modo di viaggiare e di vivere. 

 

trekking nella foresta
  • AMODO (Alleanza Mobilità Dolce)

é una rete di oltre 40 associazioni che promuove la mobilità dolce e il territorio italiano. Anche per loro, come per ActiveIaly e per molti altri che seguono questa tendenza, non si tratta solo di “fare turismo”, ma è vero e proprio “way of life”. Obiettivo principale è proprio quello di fare rete, in modo da diffondere i principi della mobilità dolce e della riscoperta del nostro territorio come bellezza da vivere. 

 

  • Co.Mo.Do. (Cooperazione per la Mobilità Dolce)

Anche questa è una rete che si occupa e specializza sulla mobilità dolce e sulla sostenibilità. Si occupano di studi, analisi e diffusione di informazioni sul tema. Nello specifico, si concentrano su turismo sportivo, escursionistico, cicloturismo, turismo velico e equestre. Insomma, quei tipi di turismo che ricadono nella definizione all’inzio di questo articolo. 


 

Ecco, scegli da dove cominciare e inizia a scoprire l’immenso e importantissimo mondo della mobilità dolce. Ovviamente questo breve elenco non è esaustivo. In Italia la mobilità dolce è un argomento molto sentito, fortunatamente e ognuno di noi può fare qualcosa per vivere e viaggiare secondo i suoi principi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su